Cerca

Umanesimo Digitale

Un blog per il Terzo Millennio

Categoria

Interviste

Davide Sisto: come sono diventato un tanatologo digitale

Intervista a Davide Sisto, autore del fortunatissimo “La morte si fa social” (Bollati Boringhieri 2018), di prossima traduzione per MIT Press, oggi tra i massimi esperti di “digital death” nel nostro Paese.

Continua a leggere “Davide Sisto: come sono diventato un tanatologo digitale”

Cosimo Accoto: dal confronto con l’IA nascerà una nuova umanità

Intervista a Cosimo Accoto, visiting scientist al Mit di Boston e autore di “Il mondo dato” (Egea 2017), una delle più affascinanti opere di filosofia digitale contemporanea.
Continua a leggere “Cosimo Accoto: dal confronto con l’IA nascerà una nuova umanità”

Federico Bastiani: la vera rivoluzione è non chiedere nulla in cambio

Trentanove anni, laureato in economia aziendale, Federico è l’ideatore e co-founder delle social street.

Continua a leggere “Federico Bastiani: la vera rivoluzione è non chiedere nulla in cambio”

L’ultima libraia di Tropea

Dialogo con Chiara Condò, giovanissima proprietaria della libreria Il Pensiero Meridiano di Tropea, a metà tra emporio e avanguardia letteraria, simbolo di una rinascita culturale che in Calabria nasce dalla partecipazione delle giovani generazioni e si alimenta tramite l’uso intelligente dei media digitali. “Grazie ai social media riesco a non perdermi d’animo e a portare avanti il mio progetto di libreria indipendente. I miei lettori forti? Proprio loro: i nativi digitali”.

  Continua a leggere “L’ultima libraia di Tropea”

Esiste uno “stile Wikipedia”?

Secondo una ricerca della Harvard Business School, gli articoli di Wikipedia dedicati alla recente storia politica statunitense avrebbero lo stesso livello di neutralità delle voci pubblicate sull’Encyclopedia Britannica. Eppure, Wikipedia non gode della stessa autorevolezza presso l’élite scientifica e culturale in quanto fonte divulgativa: questione di metodo, o di stile? Ne ho parlato con Vera Gheno, sociolinguista e docente a contratto alle università di Firenze, Siena e Middlebury College.

Continua a leggere “Esiste uno “stile Wikipedia”?”

Valigia Blu: come si finanzia l’informazione di qualità

Per il secondo anno consecutivo è online la campagna di crowdfunding per sostenere Valigia Blu, blog collettivo nato nel 2010 e animato da oltre dieci persone tra giornalisti, programmatori, grafici e vignettisti, uniti dall’intento di realizzare un’informazione di qualità in Rete e correggere errori e orrori di quella – forse impropriamente – ritenuta storicamente più autorevole.

Continua a leggere “Valigia Blu: come si finanzia l’informazione di qualità”

Bruno Zamborlin, Mogees: la tecnologia che fa nascere l’arte

Alla ricerca di un punto d’incontro tra arte, tecnologia e talento: intervista a Bruno Zamborlin founder di Mogees, la startup che trasforma il mondo in musica.

Continua a leggere “Bruno Zamborlin, Mogees: la tecnologia che fa nascere l’arte”

Wikipedia Zero sta violando la neutralità della Rete?

Tra i dibattiti che ho seguito durante il raduno mondiale di Wikipedia a Esino Lario mi ha interessato particolarmente quello dedicato al programma Wikipedia Zero e alle sue conseguenze per il principio di neutralità della Rete. Ne ho parlato con Lionel Scheepmans, antropologo, membro attivo del French Wikiversity Project e con Adele Vrana, Head of Strategic Partnerships della Wikimedia Foundation.

Continua a leggere “Wikipedia Zero sta violando la neutralità della Rete?”

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: