Cerca

Umanesimo Digitale

Un blog per il Terzo Millennio

Federico Bastiani: la vera rivoluzione è non chiedere nulla in cambio

Trentanove anni, laureato in economia aziendale, Federico è l’ideatore e co-founder delle social street.

Continue reading “Federico Bastiani: la vera rivoluzione è non chiedere nulla in cambio”

L’intelligenza artificiale e la lezione delle macchinette del caffè

Un sondaggio del Future of Humanity Institute rivela quello che sospettavamo già da un po’ di tempo: i ricercatori e professionisti dell’intelligenza artificiale non hanno ancora fatto i conti con le leggi del mercato.

Continue reading “L’intelligenza artificiale e la lezione delle macchinette del caffè”

In Italia manca un festival dedicato alla cultura digitale

Manca un appuntamento nazionale in cui dare visibilità a rappresentanti di settori diversi della società, coinvolti o interessati allo sviluppo del digitale nel loro territorio o settore di competenza.

Continue reading “In Italia manca un festival dedicato alla cultura digitale”

Sono morto, diventiamo “amici”?

“Il libro digitale dei morti” di Giovanni Ziccardi è uno dei più completi saggi in lingua italiana dedicati alla memoria e all’oblio  nell’era dei social network.

Continue reading “Sono morto, diventiamo “amici”?”

Il Grande Moderatore e le nuove rotte delle scorie digitali

Nascondere il Male, senza poter fare nulla per cancellarlo. Questo è il destino di un esercito invisibile di persone che ogni giorno, dalla Silicon Valley al più sperduto villaggio filippino, prendono posto davanti al loro computer, come impiegati qualunque di un’azienda qualunque.

Continue reading “Il Grande Moderatore e le nuove rotte delle scorie digitali”

Cinque domande sul futuro della Blockchain

“Ancora una volta, il genio della tecnologia è uscito dalla bottiglia” esordisce così Blockchain Revolution. Un’opera completa e ricca di spunti di riflessione, che tuttavia pone alcuni fondamentali interrogativi per chi tutt’ora sta lavorando per l’implementazione della tecnologia blockchain in ogni aspetto della vita umana.

Continue reading “Cinque domande sul futuro della Blockchain”

Perché BlaBlaCar è l’archetipo dell’ecosistema startup europeo

Con la vittoria legale contro Confebébus, lobby spagnola del trasporto pubblico locale, BlaBlaCar si pone come l’archetipo vincente dell’ecosistema startup europeo. Un ecosistema che può raggiungere la maturità colmando i vuoti lasciati liberi dal venir meno del servizio universale di matrice statale, generando nel contempo un senso di appartenenza  internazionale tra i cittadini europei.

Continue reading “Perché BlaBlaCar è l’archetipo dell’ecosistema startup europeo”

La Smart Home ha un problema di comunicazione

Frigo intelligenti, robot aspirapolvere, termostati connessi, assistenti tuttofare: al CES 2017 di Las Vegas prodotti e soluzioni per la Smart home sono apparsi in grande spolvero. Lo stesso non si può dire della loro strategia di comunicazione. Ne ho parlato con Gabriele di Matteo, giornalista, anchorman e navigato esploratore delle più avanzate frontiere della tecnologia.

Continue reading “La Smart Home ha un problema di comunicazione”

Satoshi Nakamoto: le origini del mito

Secondo gli autori del libro “Hacking Finance” l’agiografia di Satoshi Nakamoto presenta numerose quanto inequivocabili somiglianze con i più conosciuti tòpoi della narrativa religiosa di matrice cristiana: tuttavia, il fondatore di Bitcoin si rivela in tutta la sua umanità (e vulnerabilità) proprio nel momento in cui sul suo percorso appare l’ombra di WikiLeaks.

Continue reading “Satoshi Nakamoto: le origini del mito”

L’ultima libraia di Tropea

Dialogo con Chiara Condò, giovanissima proprietaria della libreria Il Pensiero Meridiano di Tropea, a metà tra emporio e avanguardia letteraria, simbolo di una rinascita culturale che in Calabria nasce dalla partecipazione delle giovani generazioni e si alimenta tramite l’uso intelligente dei media digitali. “Grazie ai social media riesco a non perdermi d’animo e a portare avanti il mio progetto di libreria indipendente. I miei lettori forti? Proprio loro: i nativi digitali”.

  Continue reading “L’ultima libraia di Tropea”

L’ospite imprevisto: il ruolo del digitale nelle migrazioni

Se il digitale vuole rivestire un ruolo non solo accessorio nelle migrazioni contemporanee, deve essere quello di rendere i migranti parte attiva e propositiva della loro stessa integrazione. Leggi il mio articolo sul blog di Hi Here.

Avete sentito? Era il “botto” di Snapchat

Un’esplosione sorda, travolgente nella potenza quanto inavvertita da chi non ne è direttamente coinvolto: mentre si rincorrono le voci di una possibile quotazione, Snapchat guadagna il titolo di app più scaricata nel 2016 nell’Apple Store Usa e prende un nuovo slancio con la vendita di Spectacles. Un successo passato a lungo inosservato, e che tutt’ora avviene all’interno di una zona grigia quasi inaccessibile allo sguardo di genitori, insegnanti ed educatori dei più giovani.

Continue reading “Avete sentito? Era il “botto” di Snapchat”

Misurare l’effimero: social media e personal branding

Le persone, come le aziende, sono naturalmente portate a sviluppare una vera e propria strategia editoriale per poter essere performanti, e dunque visibili, sui social media: ma quanto di queste performance si tramutano in occasioni vere di crescita e incontro, e qual è il giusto equilibrio tra spontaneità e calcolo? Una riflessione sul valore del personal branding nell’era in cui tutti si piacciono e molti si disprezzano l’un l’altro.

Continue reading “Misurare l’effimero: social media e personal branding”

Esiste uno “stile Wikipedia”?

Secondo una ricerca della Harvard Business School, gli articoli di Wikipedia dedicati alla recente storia politica statunitense avrebbero lo stesso livello di neutralità delle voci pubblicate sull’Encyclopedia Britannica. Eppure, Wikipedia non gode della stessa autorevolezza presso l’élite scientifica e culturale in quanto fonte divulgativa: questione di metodo, o di stile? Ne ho parlato con Vera Gheno, sociolinguista e docente a contratto alle università di Firenze, Siena e Middlebury College.

Continue reading “Esiste uno “stile Wikipedia”?”

Valigia Blu: come si finanzia l’informazione di qualità

Per il secondo anno consecutivo è online la campagna di crowdfunding per sostenere Valigia Blu, blog collettivo nato nel 2010 e animato da oltre dieci persone tra giornalisti, programmatori, grafici e vignettisti, uniti dall’intento di realizzare un’informazione di qualità in Rete e correggere errori e orrori di quella – forse impropriamente – ritenuta storicamente più autorevole.

Continue reading “Valigia Blu: come si finanzia l’informazione di qualità”

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: