Cerca

Umanesimo Digitale

Un blog per il Terzo Millennio

Gli oggetti connessi e la fine del consumismo

Che consumatore è quello che non può più “consumare” alcunché?

Continue reading “Gli oggetti connessi e la fine del consumismo”

Il falso problema dell’eccesso di informazioni in Rete

Più che in eccesso, l’informazione in Rete è ridondante: siamo sicuri di voler rinunciare a insegnare agli studenti le nozioni di base, lasciandoli liberi di delegare la propria memoria a un supporto virtuale?

Continue reading “Il falso problema dell’eccesso di informazioni in Rete”

L’adolescenza del web

Sanno tutto di noi, ci promettono un’esperienza sempre più personalizzata e su misura dei nostri interessi, eppure le più popolari piattaforme online non tengono conto di una variabile fondamentale legata alle nostre modalità di utilizzo: l’età, e di conseguenza l’accumulo di conoscenze ed esperienza.

 

Continue reading “L’adolescenza del web”

Il social irrilevante

Dove si colloca il limite tra “influencer” e utenti normali, su Instagram? Nel social a maggior crescita degli ultimi anni, i numeri hanno da tempo perso ogni relazione con il contenuto di cui dovrebbero misurare la qualità.

Continue reading “Il social irrilevante”

WikiTribune: un modello per il giornalismo che cambia

Ospite al Wired Next Fest 2018, Orit Kopel ha ripercorso i primi mesi di WikiTribune, la piattaforma di news lanciata in collaborazione con il vulcanico fondatore di Wikipedia, Jimmy Wales, esempio da prendere come spunto per un giornalismo più aperto alla contaminazione con il suo pubblico.

Continue reading “WikiTribune: un modello per il giornalismo che cambia”

L’altra faccia del dating online

Truffe milionarie, professionisti del corteggiamento nascosti dietro profili Tinder insospettabili, ma anche aspettative diverse al primo appuntamento e una narrativa di coppia che va incontro a un’evoluzione imprevista.

Continue reading “L’altra faccia del dating online”

Il giorno in cui un’intelligenza artificiale vincerà un premio di poesia

L’intelligenza artificiale ci costringe a ripensare il rapporto che abbiamo con la letteratura, la poesia e le arti in generale. O, perlomeno, con la loro versione depurata da tutti i tormenti e le angosce che la scrittura porta con sé.

Continue reading “Il giorno in cui un’intelligenza artificiale vincerà un premio di poesia”

Dopo la televisione, il web: quegli anziani soli di fronte a uno schermo

Mentre i produttori di smartphone hanno da tempo immesso sul mercato delle versioni semplificate dei loro dispositivi, la stessa cosa non si può dire per le grandi piattaforme online, che prevedono tuttora una sola tipologia di utente: giovane, “smart” e capace di badare a se stesso.

Continue reading “Dopo la televisione, il web: quegli anziani soli di fronte a uno schermo”

La connessione è un diritto, o un dovere?

Se la disconnessione dalla Rete diventa un diritto previsto dalle leggi e dalla normativa sul lavoro, la connessione può essere ancora considerata una libera scelta?

Continue reading “La connessione è un diritto, o un dovere?”

Come i social media avrebbero potuto cambiare la campagna elettorale

Nella prima campagna elettorale in cui dopo anni è mancato il confronto televisivo tra i leader, i social media sono stati usati in maniera per lo più antiquata e conservatrice, anche da chi avrebbe dovuto più degli altri cercare un modo per recuperare voti.

  Continue reading “Come i social media avrebbero potuto cambiare la campagna elettorale”

Fake news: due ricerche a confronto

Una riflessione sui risultati della prima ricerca sulla diffusione delle fake news nel nostro continente, realizzata dal Reuters Institute, e il paragone con una ricerca contemporanea dell’Università di Oxford.

Continue reading “Fake news: due ricerche a confronto”

Bambini e smartphone: quali rischi si corrono, cosa è giusto fare

Non esiste un’età giusta per dare il primo smartphone ai nostri bambini. Ecco quali rischi si corrono, e come comportarsi quando i più piccoli chiedono il cellulare.

Continue reading “Bambini e smartphone: quali rischi si corrono, cosa è giusto fare”

L’anno in cui Internet imparò ad ascoltarci

Protagonisti al CES 2018, i voice assistant e gli smart speaker potrebbero cambiare per sempre il modo in cui la maggior parte delle persone si connette alla Rete: ecco come potrebbe avvenire il passaggio dal web degli smartphone azionati con il tocco delle nostre mani, al web degli oggetti connessi risvegliati dal suono della nostra voce.

Continue reading “L’anno in cui Internet imparò ad ascoltarci”

Luigi Catalani: grazie a Wikipedia riportiamo gli studenti in biblioteca

Intervista al coordinatore nazionale di Wikimedia Italia per i progetti nelle scuole e nelle università. Nel 2016, oltre 2.000 studenti coinvolti in 11 regioni italiane.

Continue reading “Luigi Catalani: grazie a Wikipedia riportiamo gli studenti in biblioteca”

La seconda vita dell’ebook, tra libri di carta e selfpublishing

Il libro di carta è sopravvissuto alla prima fase della rivoluzione digitale, e riconquista le quote di mercato temporaneamente occupate dagli ebook. I quali, tuttavia, hanno dato origine a una nuova industria editoriale in piena espansione: quella del selfpublishing.
Continue reading “La seconda vita dell’ebook, tra libri di carta e selfpublishing”

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: