CHI SONO

Mi chiamo Jacopo Franchi, vivo e lavoro a Milano come web content manager e scrittore specializzato nella comunicazione di aziende innovative dal punto di vista tecnologico e sociale. Sono da sempre – come si può intuire dal titolo di questo sito, “Umanesimo Digitale” – alla ricerca di un ottimale punto di congiunzione tra sensibilità umanistica e rigore scientifico, e dedico buona parte del mio tempo libero alla scrittura e allo studio delle nuove tecnologie, oltreché della Storia, dell’economia, dell’astronomia, della letteratura e della poesia.

Sono nato in una piccola città del piacentino dove tutti passano e pochi hanno l’occasione di fermarsi: è lì che ho trascorso i miei primi vent’anni di esistenza tra studi liceali, letture intense e lunghe estati di lavoro manuale nelle aziende locali, aspettando il primo momento utile per prendere un treno verso Parigi – con l’aiuto decisivo di una borsa di studio Erasmus – e correre finalmente “incontro alla vita“, come cantava Lucio Dalla un po’ di tempo fa.

A Parigi, infine, ho scoperto l’esistenza di un nuovo mondo: non quello dei cafés letterari, ma quello di Internet e delle nuove forme di informazione digitale di massa. Dopo un breve periodo come studente Erasmus è qui che ho vissuto i primi anni dopo la laurea iniziando a lavorare nella redazione centrale di Cafebabel.com (il primo magazine pan-europeo per giovanissimi espatriati come me), imparando i fondamentali della produzione e distribuzione di contenuti sui social media e motori di ricerca globali.

Dopo gli esordi in un contesto internazionale ho quindi scelto di tornare in Italia per vivere nella esuberante Milano di questa prima metà del nuovo secolo, passando un po’ per necessità e un po’ per curiosità dal mondo del giornalismo a quello della comunicazione: dopo un primo periodo di apprendistato in agenzia, ho trascorso la prima metà dei miei trent’anni a lavorare per startup e investitori in imprese innovative, sfruttando le opportunità di disintermediazione offerte dai nuovi canali digitali per raccontare storie, prodotti, servizi e “visioni” di persone che una fortunata combinazione di eventi ha portato sulla mia strada.

jacopo franchi
Sono nato nel 1987 a Fiorenzuola d’Arda, oggi vivo e lavoro a Milano.

Rispetto a chi studia i nuovi media da una prospettiva puramente teorica le mie conoscenze in questo settore nascono, quindi, dalla mia esperienza diretta con Facebook Business Manager, Google Ads, Search Console e Google Analytics, dalla scrittura di contenuti per siti web e blog aziendali e dalla gestione di pagine LinkedIn, Facebook e account Twitter. In un mondo dove le più importanti piattaforme digitali sono costruite a partire da un modello di business di chiaro intento pubblicitario ritengo che lavorare nella comunicazione online sia un modo per conoscere a fondo l’evoluzione delle tecnologie moderne e delle loro possibilità tuttora inespresse. In questo contesto ho iniziato a pubblicare nel 2016 i primi articoli di approfondimento su questo blog e non ho più smesso di farlo.

Una prima sintesi di questo mio continuo percorso di studio e di lavoro si può leggere, infine, nei saggi che ho pubblicato nel 2019 e nel 2021 con un editore indipendente di Milano: Solitudini connesse. Sprofondare nei social media, disponibile in libreria, in biblioteca, e in free download come personale “dono” in seguito all’esplosione della pandemia in Italia (e al moltiplicarsi di forme di dipendenza più o meno manifesta dai social) e “Gli obsoleti. Il lavoro impossibile dei moderatori di contenuti“, il primo libro italiano che ricostruisce le modalità di lavoro degli “invisibili” moderatori di contenuti online.

Allo stesso modo in cui il mio lavoro ispira i miei libri e i miei articoli, i miei libri e i miei articoli alimentano il mio lavoro: l’obiettivo ultimo che mi sono dato è quello di contribuire a ridurre la distanza esistente tra ciò che le persone conoscono delle nuove tecnologie e ciò che le nuove tecnologie conoscono delle persone, e stimolare la nascita di nuovi modelli di business digitali più sostenibili, inclusivi e trasparenti di quanto sperimentato finora. Questo blog, i miei libri, le interviste e in generale il senso stesso del mio operato sono ispirati a questo principio di massima che, finora, mi ha portato sempre più lontano da quel piccolo paese in cui tutto è cominciato.