In quanto testimoni, vittime, e controllori dell’informazione che circola sui social media, i moderatori di contenuti non possono più agire in un contesto deregolamentato. La mia proposta pubblicata sul magazine “cheFare”.

Leggi l’articolo