Cerca

Umanesimo Digitale

Un blog per il Terzo Millennio

Tag

europa

Brexit e social media: dove abbiamo sbagliato

Le analisi delle conversazioni social nei giorni precedenti al referendum britannico sul Brexit hanno largamente previsto la vittoria del Leave sul Remain: è quindi giunto il momento di interrogarci se i social media siano oggi un luogo adatto all’attività politica non propagandistica.

Continua a leggere “Brexit e social media: dove abbiamo sbagliato”

Il sogno di un Giornale Europeo: idee, spunti e riflessioni

L’Europa unita è forse il sogno più grande a cui la mia generazione può aspirare. Per raggiungerlo, c’è bisogno di un giornale europeo, libero, digitale, multilingue e capace di comunicare al maggior numero possibile di lettori e cittadini. Qualche idea da condividere con chi potrebbe dare il suo contributo.

Continua a leggere “Il sogno di un Giornale Europeo: idee, spunti e riflessioni”

Dopo l’Erasmus: La filosofia del nostro tempo

All’estero, dove ho studiato e lavorato a lungo, ho provato anch’io la sensazione di essere un “cervello” e non solo un “consumatore”. E non ero più dotato degli altri. Semmai, per la prima volta nella mia vita ho sentito di poter pensare e mettere in pratica le mie idee nello spazio di una vita umana. E a quanto pare non ero l’unico.

Continua a leggere “Dopo l’Erasmus: La filosofia del nostro tempo”

Università: quali sono le lauree inutili?

 

Ci stanno riuscendo, a far passare il messaggio che studiare non serve a nulla, se non hai un lavoro sicuro dopo. E che la cultura, la passione, la conoscenza delle cose del mondo debbano essere sottoposte al tariffario del “mercato del lavoro“.

Continua a leggere “Università: quali sono le lauree inutili?”

Brussels-Istanbul, the Europe from another perspective

Jacopo Franchi & Cansu Ekmekcioglu

I remember just the beginning of the conversation, during my last night in Brussels. I was there for a reportage with three journalists, from Belgrade, Sarajevo and Istanbul, for Cafebabel. One of the journalists was Cansu, a 25-year-old Turkish girl who was doing her master degree on political sciences and digital media at Galatasaray University. I was very impressed by her enthusiasm for the new adventure in Europe.

Continua a leggere “Brussels-Istanbul, the Europe from another perspective”

Questa crisi…

… non riguarda solo l’economia. Sarebbe fin troppo facile da risolvere.  Da quando sono nato (1987) posso dire di aver vissuto in un periodo di crisi costante. La crisi dei valori? Nemmeno, perché si dovrebbe dimostrare che il mondo in cui viviamo è più ingiusto di quello in cui vivevamo prima. No, io credo che a essere andati definitivamente a puttane siano proprio i “motori” stessi della società.

Continua a leggere “Questa crisi…”

Non abbandonate la democrazia digitale nelle mani di Grillo

Le primarie online del Movimento 5 Stelle sono state un esperimento coraggioso, ma deludente. Anche per chi, come me, non ha partecipato né tantomeno voterà il signor Grillo. Era tanta la curiosità attorno a questa iniziativa di democrazia digitale.

Continua a leggere “Non abbandonate la democrazia digitale nelle mani di Grillo”

L’italiano torna al suo paes(ello)

 

Nove mesi a Parigi. Sono tornato in Italia, nel paesello che mi ha visto nascere e dove ho abitato per 23 anni su 25. Dopo nove mesi a Parigi, sono tornato al caffè espresso al bar, ai telegiornali in italiano la sera, all’invio giornaliero di curriculum e al tentativo di dare continuità alla mia carriera professionale di giornalista. Che, dopo l’esperienza dentro alla redazione di Cafebabel, ha avuto il suo battesimo del fuoco.

Citizen journalism e prosa di viaggio. Cafebabel è qualcosa di unico e che per lungo tempo resterà ancora inimitabile. L’Europa dei cittadini raccontata dai cittadini, un esperimento dove il giornalismo partecipativo si avvicina – per stile e contenuti – alle forme più classiche della prosa di viaggio o del racconto filosofico. L’archivio di Cafebabel sarà una delle più importanti fonti da cui attingere per ricostruire la vita dei “primi europei” dopo Maastricht.

Continua a leggere “L’italiano torna al suo paes(ello)”

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: