Una ragazza di vent’anni in stato vegetativo dopo un incidente stradale; un giovane medico impegnato in una sfida contro il tempo per salvarla; una dottoressa di fama mondiale che vuole ridisegnare i confini di ciò che noi intendiamo per “coscienza” con un esperimento scientifico rivoluzionario; una società segnata dall’espandersi incontrollato di Facebook, che deve fare i conti con i primi “cadaveri virtuali” della Storia; una storia d’amore tra madre e figlia che oltrepassa i limiti della parola, del tempo e dello spazio.

Un romanzo sui social network, le relazioni affettive e le possibilità offerte dalla tecnologia per oltrepassare limiti di senso finora ritenuti invalicabili. Facebook, il social network più diffuso al mondo, è solo l’esperimento più riuscito tra quanti hanno creato un sistema di relazioni virtuali in grado di sovrapporsi, fino a superare, l’identità reale delle persone. Un social network che impone a tutti coloro che si iscrivono di avere uno “status”, sia esso espressione di un pensiero o di un’attività, che non può in alcun caso rimanere vuoto: nemmeno quando l’individuo finisce in una condizione, come quella dello “stato vegetativo” della giovane protagonista, prossima alla morte cerebrale.

Per saperne di più sul mio romanzo, clicca qui.

Per leggerlo in anteprima, compila questo form:

Astenersi editori a pagamento.