Cerca

Umanesimo Digitale

Un blog per il Terzo Millennio

Categoria

Uncategorized

Populismi e social media: dall’irrilevanza al predominio

Il ruolo dei social media manager nella crescita dei partiti populisti e delle forze populiste, e da dove ripartire per la “riconquista” dei social media.

Continue reading “Populismi e social media: dall’irrilevanza al predominio”

Fintech: i due volti della finanza tecnologica

L’innovazione nei servizi finanziari ha raggiunto nell’ultimo anno il punto di svolta nella raccolta di finanziamenti alle startup fintech: la “disruption” della finanza tecnologica racchiude in sé tuttavia una serie di vantaggi che possono facilmente ritorcersi contro lo stesso cliente, specie quello meno finanziariamente e digitalmente avveduto. Vediamo quali potrebbero essere.

Continue reading “Fintech: i due volti della finanza tecnologica”

Status vegetativo: un romanzo per chi vive disconnesso dal mondo

Una ragazza di vent’anni in stato vegetativo dopo un incidente stradale; un giovane medico impegnato in una sfida contro il tempo per salvarla; una dottoressa di fama mondiale che vuole ridisegnare i confini di ciò che noi intendiamo per “coscienza” con un esperimento scientifico rivoluzionario; una società segnata dall’espandersi incontrollato di Facebook, che deve fare i conti con i primi “cadaveri virtuali” della Storia; una storia d’amore tra madre e figlia che oltrepassa i limiti della parola, del tempo e dello spazio.

Continue reading “Status vegetativo: un romanzo per chi vive disconnesso dal mondo”

chiesa sant'andrea
La Chiesa di Sant’Andrea in Castelletto (Piacenza), foto di Luigi Franchi

Una parrocchia verniciata di bianco che mi accoglie all’ingresso del paese dei padri, dalla parte della montagna.

Un oratorio abbandonato dai fedeli dopo la costruzione dell’enorme diga che tutt’ora minaccia le sue quattro mura.

Un’abbazia millenaria di cui si conosce la storia solo grazie al lavoro generoso di qualche erudito appassionato.

Una chiesa diroccata dove la messa annuale è un sacrificio votivo al tempo che rende vani gli sforzi edificanti degli uomini.

Un eremo su un colle a pochi chilometri dall’asilo, dove ho mosso i primi passi nel mondo. E, lì vicino, un cimitero abbandonato nel solco di una valle coltivata a grano, le cui lapidi mormorano i peccati di un paese scomparso.

Non ho una religione, né un papa “buono” in cui riporre le mie speranze. Come in tutte le contraddizioni della vita, durante i pellegrinaggi nella Valle ho raccolto tra queste mura senza più idoli le tracce lasciate da un vecchio dio errante.

La monarchia degli stagisti

Il titolo, volutamente provocatorio, ai diretti interessati ricorderà sicuramente La Repubblica degli Stagisti, il progetto di Eleonora Voltolina che per prima ha sollevato in Italia il dibattito sugli stage gratuiti, battendosi per la loro regolamentazione a norma di legge e un adeguato “rimborso spese” per tutti gli stagisti sfruttati.

Continue reading “La monarchia degli stagisti”

milano gabbia statua unicredit

Per intendere la città, per cogliere al disotto della sua tesa tetraggine il vecchio cuore di cui molti favoleggiavano, occorreva fare la vita grigia dei suoi grigi abitatori, essere come loro, soffrire come loro“.

La Vita Agra, Luciano Bianciardi

Youtubers: i fenomeni del web alla prova della televisione

Ho incominciato a interessarmi degli youtuber e dei nuovi volti dell’intrattenimento non più tardi di due anni fa, quando lavoravo come caporedattore per un sito di news dedicato al virale.

Continue reading “Youtubers: i fenomeni del web alla prova della televisione”

Charlie Hebdo: perché non dobbiamo avere paura

L’attentato di Charlie Hebdo ha lasciato dentro di me un vuoto profondo, una tristezza che sarà difficile mandar via e la sensazione che si sia sbagliato, e si stia sbagliando tutt’ora, a ricondurre le cause della strage nel giornale di satira parigino unicamente alla religione, e non alle circostanze sociali in cui gli stessi autori del massacro sono cresciuti (i loro nomi non li scrivo, perché non meritano di essere ricordati, per me sono solo il sintomo di un malessere crescente e diffuso).

Continue reading “Charlie Hebdo: perché non dobbiamo avere paura”

2015: idee in regalo per una narrativa del virtuale

Il ritmo di pubblicazione del blog è calato quest’anno perché sono stato impegnato nella scrittura del mio primo romanzo. O, almeno, della prima storia inventata cui sono riuscito a dare una forma compiuta, dopo anni di tentativi, personaggi abortiti, fantasmi di carta e sperimentazioni che sul lungo periodo si sono rivelate meno feconde di quanto avessi previsto. Scrivere è un mestiere veramente faticoso.

Continue reading “2015: idee in regalo per una narrativa del virtuale”

Lettera a un giovane suicida

Questa lettera è la mia reazione – emotiva e allo stesso tempo razionale – all’ennesima “notizia” del suicidio di un giovane, di 24 anni, ieri pomeriggio a San Michele al Tagliamento. E il destinatario sei tu, giovane, uomo o donna, che sta pensando di farla finita con tutti i problemi. Voglio solo che mi presti cinque minuti del tuo tempo, la cosa più preziosa che ci sia al mondo, e che mi segui fino in fondo in quello che sto per dirti, che io stesso ho dovuto imparare a caro prezzo.

Continue reading “Lettera a un giovane suicida”

La rissa di Bollate tra Sarah e La Giovi: Analisi e commento, senza moralisimi

Una riflessione sull’episodio di violenza di Bollate tra due ragazze minorenni, “La Giovi” e “La Sarah”, ripreso da un telefonino e pubblicato su Facebook. Senza moralismi, ma con qualche indizio in più per capire dove è nata la violenza e perché questo episodio è solo il sintomo di un problema ben più complesso, da affrontare senza moralismi e senza preconcetti.

Continue reading “La rissa di Bollate tra Sarah e La Giovi: Analisi e commento, senza moralisimi”

Giornalismo online: l’età della pietra?

Il giornalismo in Italia sta vivendo in questo periodo una fase cruciale della sua storia. Stretto tra la crisi, economica ma soprattutto identitaria, dei giornali cartacei, e l’esplosiva vitalità dell’informazione online, non ha ancora trovato i mezzi (l’oro) necessari al suo sostentamento e al salto di qualità chiesto a gran voce dai lettori. Analisi.

Continue reading “Giornalismo online: l’età della pietra?”

Villa Visconti di Saliceto: Una testimonianza dal passato

Dopo mesi dai primi articoli su Villa Visconti, è arrivata – grazie alla pagina Facebook Salviamo Villa Visconti di Saliceto di Cadeo – la prima, vera testimonianza di chi questa villa l’ha vissuta, e condivide con noi l’amore per la sua storia e per il suo fascino secolare. Questa lettera, arrivata tramite mail debitamente firmata, ve la presentiamo in versione integrale, in forma anonima per espressa volontà dell’autore. Ci racconta di un passato non troppo antico, di quando Tornora e Villa Visconti con essa erano abitate e – cosa ancora più importante – luogo di scoperte e avventure da parte di chi era appena venuto al mondo.

Continue reading “Villa Visconti di Saliceto: Una testimonianza dal passato”

La mia storia di violenza nelle banlieue francesi di Saint Denis

Sono stato aggredito nelle banlieue francesi nell’Estate 2012. La mia aggressione avvenne in un caldo pomeriggio d’Estate, nel pieno centro di Saint Denis, davanti al teatro Gérarde Philippe.

Continue reading “La mia storia di violenza nelle banlieue francesi di Saint Denis”

Ius Soli: Analisi del ruolo di Cécile Kyenge

Cécile Kyenge, il primo ministro nero (come lei stessa ama definirsi) della storia repubblicana, ha avuto il merito di inserire nell’agenda politica del governo Letta la questione cruciale dello Ius Soli: il diritto di cittadinanza, secondo la sua proposta di legge, va esteso a tutti i nati in territorio italiano, a prescindere dalla cittadinanza dei genitori. Ma con qualche restrizione. Cécile Kyenge, per questa sua proposta, è stata sottoposta ad attacchi e critiche barbare e fasciste da parte di alcuni esponenti politici di Lega Nord, Forza Nuova ed altri gruppi di ispirazione fascista e xenofoba.

Continue reading “Ius Soli: Analisi del ruolo di Cécile Kyenge”

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: